Torna in alto
Lettera richiesta rimborso intervento manutenzione straordinaria al locatore Compila il modello

Lettera richiesta rimborso intervento manutenzione straordinaria al locatore

Ultima revisione
Ultima revisione 16/07/2020
Formati
Formati Word e PDF
Dimensione
Dimensione 1 pagina
Compila il modello

Informazioni sul modello

Ultima revisione: 16/07/2020

Dimensione: 1 pagina

Formati disponibili: Word e PDF

Opzione: Assistenza di un avvocato

Compila il modello

Come funziona?

1. Scegli questo modello

Per cominciare, clicca su "Compila il modello"

1 / Scegli questo modello

2. Compila il documento

Rispondi ad alcune domande e il tuo documento viene creato automaticamente.

2 / Compila il documento

3. Salva - Stampa

Il tuo documento è pronto! Lo riceverai nei formati Word e PDF. Potrai modificarlo.

3 / Salva - Stampa

Avvocato in alternativa

Puoi scegliere di farti assistere da un avvocato dopo avere compilato il documento.

Avvocato in alternativa

Lettera richiesta rimborso intervento manutenzione straordinaria al locatore

La lettera di richiesta rimborso per intervento manutenzione straordinaria al locatore è un documento attraverso il quale il conduttore, ossia l'inquilino, chiede al locatore, ossia il proprietario, di rimborsare per i lavori urgenti che sono stati effettuati all'interno dell'immobile da lui affittato.

Nei contratti d'affitto, sia ad uso abitativo, che ad uso commerciale o non abitativo, sono le parti a stabilire quali lavori sono a carico del conduttore e quali lavori sono a carico del proprietario. Generalmente si ritiene che i lavori di ordinaria manutenzione, sono a carico del conduttore, mentre quelli di straordinaria amministrazione sono a carico del locatore proprietario. Le parti però, possono stabilire diversamente nel contratto di affitto, secondo le esigenze di entrambi.

  • Per spese di ordinaria amministrazione si intendono tutte quelle spese che riguardano la vita quotidiana all'interno dell'immobile dove vive il conduttore. Queste spese sono sempre a carico del conduttore. Per fare esempi pratici, le spese di ordinaria amministrazione sono la sostituzione di una maniglia o la riparazione del tubo doccia, così come le riparazioni degli impianti idrici o elettrici, come rubinetti o lampadine; degli apparecchi di servizio di riscaldamento o condizionamento, ma anche il mantenimento delle strutture e dei rivestimenti come pavimenti, pareti e soffitto. Tutte queste spese sono sempre considerate a carico del conduttore, in quanto si ritiene che appartengano all'uso ordinario dell'immobile.
  • Per quanto riguarda invece le spese di straordinaria amministrazione, queste sono quelle spese impreviste che esulano dalla normale conduzione dell'immobile da parte dell'inquilino, e che comunque non potevano essere preventivate nel momento in cui il conduttore prendeva possesso dell'immobile. Possono essere considerate straordinarie tutte le riparazioni idrauliche ed elettriche che prevedono un'installazione o riparazione di notevole importanza, così come la sostituzione od installazione della caldaia o il rifacimento della facciata, in quanto anche questa esula dalle spese ordinarie e correnti del conduttore.

In questa lettera, si da per scontato che i lavori siano stati effettuati con regolare fattura da parte del conduttore, e che questi richieda al locatore di effettuare il rimborso per i lavori effettuati che non potevano essere rimandati.

Infatti il conduttore, non può eseguire i lavori senza il consenso da parte del locatore. Nel caso in cui i lavori fossero da effettuare con urgenza, il conduttore avrà l'obbligo di avvisare il locatore, ma nel caso in cui vi fosse un'inerzia da parte di quest'ultimo, ossia non risponda o temporeggi, il conduttore potrà dare il via ai lavori senza avere il consenso del locatore, in quanto i lavori sono così urgenti che non si può attendere. Il conduttore pagherà i lavori per poi dover essere rimborsato dal locatore.

Vi sono comunque diversi punti che devono essere rispettati da parte del conduttore per poter ricevere il rimborso, ed in particolare, deve rispettare questi tre parametri:

A) che si tratti di un intervento di straordinaria amministrazione e quindi di un atto al di fuori delle spese ordinarie in cui può intercorrere il conduttore;

B) che la spesa e l'intervento abbiano il carattere dell'urgenza; e

C) che il conduttore abbia avvisato il locatore sull'urgenza dell'intervento e quest'ultimo fosse rimasto inerte.

Quindi, per ottenere il risarcimento da parte del locatore, il conduttore dovrà aver rispettato questi 3 parametri, in quanto, nel caso in cui questi non fossero stati rispettati, potrebbe non maturare il diritto a ricevere il rimborso.

Come utilizzare il seguente documento:

Attraverso questo documento si potrà:

  • Indicare la generalità delle parti;
  • Indicare se si ha un contratto di affitto o di comodato;
  • Indicare i problemi ed i lavori che si sono effettuati per cui si richiede il rimborso del locatore;
  • Indicare una data eventuale di risposta del locatore proprietario entro il quale egli debba rispondere ed effettuare il rimborso, altrimenti il conduttore potrà adire alle vie legali.

Una volta firmata la presente lettera questa dovrà essere inviata al locatore tramite lettera raccomandata A/R o PEC, o nelle forme previste dal contratto d'affitto o di comodato tra le parti.


Normativa di riferimento:

Articolo 1576 codice civile.

Art. 11, legge 392/1978, n. 392, "Disciplina delle locazioni di immobili urbani"


Assistenza di un avvocato:

Potrai scegliere di consultare un avvocato se avrai bisogno di aiuto.

L'avvocato potrà rispondere alle tue domande o assisterti negli adempimenti opportuni. Questa opzione ti sarà proposta alla fine del documento.


Come modificare il modello:

Compili un modulo. Il documento viene redatto sotto i tuoi occhi man mano che inserisci le tue risposte.

Al termine, lo ricevi nei formati Word e PDF. Puoi modificarlo e riutilizzarlo.

Compila il modello